Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell'Informativa Estesa sui cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'Informativa estesa sui cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

CODICE ESENZIONE RLO040

Centri regionali di riferimento (per regione Emilia Romagna vedi sito Regione Emilia Romagna) vedi sito

Centri nazionali di riferimento vedi sito

EZIOLOGIA. Malattia bollosa autoimmune. Esiste una predisposizione genetica a produrre anticorpi contro molecole della cute e/o mucose con il risultato finale di uno scollamento delle cellule epiteliali e della formazione di raccolte liquide intra o sottoepiteliali chiamate bolle.

QUADRO CLINICO. È la malattia bollosa più comune: 6-7 nuovi casi/anno/milione di abitanti. L'esordio abituale è dopo i 60 anni e oltre i 90 anni il rischio relativo aumenta di circa 300 volte. In questa malattia bollosa il bersaglio degli autoanticorpi si trova alla base delle cellule più interne dell'epidermide. Lo spettro di presentazione è vario. Nella forma classica si ha una eruzione vescico-bollosa più o meno diffusa, associata ad intenso prurito. Nelle fasi iniziali o nelle varianti atipiche si hanno invece manifestazioni pruriginose simileczematose o orticarioidi. L'interessamento mucoso, per lo più orale, riguarda il 10-30% dei casi. Negli anni l'eruttività bollosa tende ad attenuarsi e il decorso medio della malattia risulta di 3-6 anni. La mortalità, in gran parte disgiunta dalla malattia in sé, nel primo anno è compresa tra il 10 e il 40%. Raramente si riscontra l'associazione con una neoplasia o altre malattie autoimmuni come l'artrite reumatoide o il lupus eritematoso.

DIAGNOSI. La diagnostica è la stessa del pemfigo.

TERAPIA. Per le forme poco estese può essere sufficiente la terapia steroidea locale. Il farmaco di base è il cortisone per via generale (da usare preferibilmente in boli e mai quotidianamente sin dall'inizio, con almeno 2 pause settimanali). Solitamente però vengono associati immunosoppressori come l'azatioprina, il micofenolato mofetile e la ciclofosfamide che consentono la riduzione del cortisone alla minima dose efficace. Talvolta la malattia risulta resistente a tale schema terapeutico. In questi casi si ricorre alla somministrazione endovenosa di immunoglobuline o alla plasmaferesi, una sorta di filtrazione del sangue volta a sottrarre gli autoanticorpi responsabili della malattia.